Il ruolo dell'identità territoriale nello sviluppo internazionale di un distretto culturale. Il caso dell'arte presepiale di San Gregorio Armeno

Michele Quintano, Marcello Risitano, Annarita Sorrentino

Producción científica: Capítulo del libroCapítulo

Resumen

Negli ultimi anni, si è notato un ritorno crescente alla difesa delle identità competitive nazionali in special modo nei contesti settoriali in cui il vantaggio competitivo è basato sulla gestione e riconfigurazione di competenze place-specific radicate nei territori (Boschma, 2004). In quest'ottica, nel panorama italiano si sono sviluppate opportunità di mercato che stanno assumendo un peso rilevante nella gestione strategica delle imprese presenti in molti business ad alta intensità di conoscenza e creatività (Florida, 2002; Vicari, Cillo & Verona, 2011), quali da esempio il settore moda, design, arte, turismo ed artigianato. In tali settori lo sviluppo di processi di internazionalizzazione - nelle sue molteplici forme e declinazioni - è da considerare un'opzione strategica rilevante da implementare ai fini della crescita del business di singole imprese e/o di sistemi agglomerativi di imprese. In uno scenario così delineato, nella prospettiva delle imprese italiane va sottolineato il ruolo assunto dalla cultura quale fonte di vantaggio competitivo nei processi di internazionalizzazione (Rullani, 2011; Napolitano, 2015). In tali contesti, peraltro, va considerata la difficoltà strutturale di emergere individualmente da parte delle PMI italiane e, la conseguente tendenza competitiva nel definire sistemi d'imprese - nelle forme di consorzi, distretti industriali, cluster, etc. - circoscritte in uno specifico contesto territoriale. Coerentemente a quanto sin qui affermato, il presente lavoro si propone di analizzare il ruolo della marca collettiva, della cultura e della creatività nei processi di internazionalizzazione sviluppati nell'ambito del "distretto culturale" dell'arte presepiale di San Gregorio Armeno (Napoli
Idioma originalEspañol
Título de la publicación alojadaCultural heritage e Made in Italy
Páginas507-528
EstadoPublicada - 1 feb 2016

Citar esto